Image
Esegui ricerca

La sintassi dell’ipertesto

I documenti (testi, immagini, suoni) che compongono l'ipertesto vengono chiamati nodi e sono collegati tra loro mediante i cosidetti collegamenti ipertestuali, o link.
I collegamenti ipertestuali possono essere di varia natura e assumere forme diverse: pulsanti, immagini, parole o frasi, ecc.
Anche l'ipertesto ha una sintassi da rispettare, che riguarda le modalità di montaggio e di collegamento dei nodi che lo compongono.
Esistono quattro modi principali per organizzare la sintassi di un ipertesto:

  • Organizzazione di tipo lineare: produce ipertesti in cui da ogni "scheda" (nodo dell'ipertesto) è possibile accedere ad una scheda successiva (nodo successivo) o retrocedere a quello precedente.
  • Organizzazione ad albero o gerarchica: è simile all'organizzazione di un libro suddiviso in capitoli e paragrafi. 
  • Organizzazione combinata: ha una organizzazione mista sia orizzontale (muoversi sequenzialmente) sia verticale mediante i collegamenti gerarchici
  • Organizzazione a rete o ipertestuale: consente la progettazione di ipertesti caratterizzati dalla massima liberta nei percorsi associativi.

Vi sono attualmente in circolazione moltissimi ipertesti e ipermedia di ottima qualità e relativi ai più svariati argomenti, anche di uso prettamente scolastico, che spaziano dall'architettura e dall'arte alle scienze, all'economia, ecc.
Molti di questi ipertesti sono reperibili in Internet e rappresentano lo sforzo di insegnanti e studenti che si sono attivati per sviluppare un linguaggio multimediale e ipertestuale.
Sono ottimi sia i progetti più semplici sia i progetti più vasti, veramente interessanti, che indicano una completa padronanza del mezzo e 1'espandersi della piena creatività.
Molti altri ipertesti, inoltre, sono reperibili sul mercato e possono integrare la normale attività didattica.

 

 Gestisci il tuo profilo | Contattaci | Privacy e cookie | Condizioni per l'utilizzo | Marchi   Microsoft

© 2014 Microsoft

 

Questo sito è ospitato da Img Internet